NO all'acquisto di 22 Gripen SI ad un vero sviluppo civile!

La Svizzera vuole impressionare il mondo con l'acquisto di 22 Gripen alla Svezia? Il Costa Rica a suo tempo fece un'altra scelta: costruire scuole e ospedali invece di incrementare i propri armamenti! Quale modello desidera seguire la Svizzera?
Non vi è alcuna parata militare il giorno della festa nazionale in Costa Rica, e per una buona ragione: il Costa Rica è un paese senza esercito dal 1 dicembre 1948, e non è mai stata attaccata dai suoi vicini... perché un paese demilitarizzato non rappresenta un pericolo. La Confederazione Svizzera dovrebbe prendere come esempio questo paese? Sì, perché deve essere un esempio per l'Europa e per il mondo!
La Svizzera ha dei potenziali nemici? Certo che no! Ha quindi davvero bisogno di un esercito nazionale?
La Svizzera deve dimostrare al mondo intero che è una nazione pacifica, istituendo una forza interna di ''guardiani della pace'' e abolendo qualsiasi tipo di esercito nazionale. Per garantire sicurezza ai suoi cittadini, la Confederazione deve porsi sotto la tutela esclusiva dell'ONU. Stringendo un tale accordo, la Svizzera renderà illegittimo qualsiasi tentativo di attacco da parte di un potenziale nemico e inoltre risparmierà più della metà del suo budget attualmente destinato alla difesa.
Come ha fatto il Costa Rica, il denaro risparmiato per le spese militari potrà essere investito nel benessere dei cittadini. Ad esempio, finanziando il budget riservato all’assistenza sanitaria e infortunistica, alla disoccupazione, alle pensioni e ad altre esigenze. Si potrebbe così istituire un fondo per finanziare:
. Un reddito di benessere garantito a tutti, senza contropartite, dalla nascita alla morte e fino a completa scomparsa del denaro; questo reddito incondizionato potrebbe già oggi ammontare a 2500 franchi svizzeri a persona, come calcolato dall'iniziativa popolare per un reddito di base incondizionato.
. Lo sviluppo tecnologico per liberare l’essere umano dal lavoro obbligatorio, sostenendo economicamente le ricerche in questo campo.
. La robotizzazione delle imprese, incoraggiando i proprietari a sostituire progressivamente i lavoratori con nuove generazioni di robot ancora più performanti.
Una tassazione delle plusvalenze, realizzate attraverso l'automazione, potrà essere utilizzata per finanziare il reddito di benessere.
Tutti queste proposte di cambiamento avranno l'effetto di rassicurare i cittadini, mostrando loro i vantaggi che potranno acquisire nella loro vita quotidiana votando per lo sviluppo del progresso (sicurezza finanziaria, tempo libero e divertimento, istruzione, formazione, sviluppo personale e ogni altro tipo di attività scelta) piuttosto che acquistare degli aerei da guerra. Se dobbiamo votare un budget, non è certamente quello in favore della difesa, ma dello sviluppo civile della società!
Siamo lontani dall'idea di potenziare le forze armate attraverso l’acquisto di 22 Gripen, la cui spesa ammonta a 3126 miliardi di franchi da pagare in undici anni e che attualmente non sono che dei progetti su carta custoditi all’interno degli istituti di ricerca svedesi.
Stiamo vivendo un momento cruciale, per la prima volta abbiamo la possibilità di scegliere grazie alla nostra evoluzione scientifica. La Svizzera resterà ancorata ai suoi vecchi paradigmi militari e finanziari o stupirà il mondo intero instaurando una vera società civile orientata al benessere dei suoi cittadini, che potremmo chiamare Paradismo... Facendo la giusta scelta, la Svizzera potrebbe salire al primo posto nel calcolo dell'IDH (indice di sviluppo umano) creato dalle Nazioni Unite. A questo scopo, si potrebbe anche creare un osservatorio nazionale della felicità.
La domanda è: che tipo di mondo vogliamo oggi e tra undici anni, civile o militare? Naturalmente civile! Spetta ora ai cittadini scegliere!